"<\/a>
\n
<\/i><\/a><\/div>\n
\n \n \n \n \n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/g>\n <\/svg>\n <\/i>\n
Rojava Resiste<\/span><\/a><\/div>\n\n\n\n
\u2757\ufe0f<\/b><\/i>Guerra turca alla Siria del Nord: 17\u00b0 settimana<\/b>\ud83d\ude91<\/b><\/i> Crisi umanitaria: per i circa 55mila sfollati interni nel campo di Washokani (#Hasakah<\/a>) e nelle scuole convertite in rifugi l'inverno rende pi\u00f9 complicate le condizioni di vita. Gli sfollati in case private e nei villaggi abbandonati sono meglio riparati, ma meno in grado di accedere agli aiuti.\ud83d\udce3<\/b><\/i> L'Amministrazione autonoma ha attuato misure straordinarie per far fronte alla situazione nei campi profughi e alla crisi economica dovuta alla guerra: \u00e8 stato imposto un maximum<\/i> al prezzo dei generi alimentari di base, viene fornito carburante gratuitamente per il riscaldamento, la Mezzaluna Rossa prosegue la fornitura di aiuti ai rifugiati.\u274c<\/b><\/i> L'offensiva siriana sulla roccaforte jihadista di #Idlib<\/a> rischia di far saltare l'accordo Russia-Turchia in #Siria<\/a> del Nord: ieri durissimi combattimenti tra soldati di #Damasco<\/a> e di #Ankara<\/a>, con decine di morti. #Erdogan<\/a> deve far fronte anche all'agitazione delle milizie jihadiste che nelle zone occupate del #Rojava<\/a> premono per sfondare il fronte e aprire un corridoio verso Idlib.\ud83c\udff4<\/b><\/i> Un leader della milizia jihadista Jaysh-al-Islam \u00e8 stato arrestato in Francia con l'accusa di crimini di guerra. La #Turchia<\/a> finanzia apertamente e controlla il Jaysh-al-Islam - che partecipa alla pulizia etnica contro i curdi a Serakanyie, di cui attualmente amministra "l'ordine pubblico".<\/div>\n\n