"
<\/a><\/div>
\n
<\/i><\/a><\/div>\n
\n \n \n \n \n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/g>\n <\/svg>\n <\/i>\n
Rojava Resiste<\/span><\/a><\/div>\n\n\n\n
Mobilitazione generale, appello alla solidariet\u00e0 internazionale<\/i>Questo messaggio arriva direttamente dalla Siria del Nord-Est. Dopo che le richieste di Erdogan sono state accettate per permettere l'ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO, l'esercito turco e i loro alleati jihadisti si stanno preparando ad attaccare la rivoluzione confederale e la popolazione civile. \ud83d\udde3<\/b><\/i> "A tutte le reti di rise up for rojava, a tutti gli amici della rivoluzione e a tutti i compagni e le compagne che combattono contro il fascismo. Il 7 luglio 2022, l'amministrazione autonoma ha dichiarato lo stato generale di emergenza per tutte le regioni del nord est della Siria. Nelle ultime settimane gli attacchi dello stato turco su tutti i fronti del Rojava, bombardamenti massicci sia aerei sia di artiglieria, sono intensamente aumentati. Allo stesso tempo quotidianamente militanti e civili vengono presi di mira e uccisi dai droni. Dopo l'ultimo incontro NATO a Madrid \u00e8 diventato chiaro come la NATO e i suoi attori principali: USA, Germania, Gran Bretagna, Francia e Italia hanno dato il via libera alla Turchia per una nuova invasione del rojava- Siria del nord. Al momento la situazione sta diventando quotidianamente pi\u00f9 critica, i mercenari turchi sono mobilizzati al confine, armi pesanti vengono portate al confine e grandi convogli militari sono stati mandati nella regione. Non possiamo dire esattamente quando ci sar\u00e0 un'escalation della situazione, ma una cosa \u00e8 chiara, l'escalation \u00e8 imminente. Dobbiamo capire cosa significa ci\u00f2. In pochi giorni celebreremo il decimo anniversario della rivoluzione.\ud83d\udea9<\/b><\/i> Dieci anni fa, il 19\/07\/2012, il popolo di Kobane ha preso il proprio destino in mano, liberato il proprio territorio e ha dato il via alla rivoluzione del Rojava. Da allora il popolo del Rojava, nelle pi\u00f9 difficili condizioni e con enormi sacrifici, ha costruito la propria vita e il proprio territorio a mani nude. Questa rivoluzione ha generato una ripresa dell'internazionalismo nel 21esimo secolo e ha creato una realt\u00e0 di lotta che \u00e8 ispirazione per noi tutti. Tutti i successi degli ultimi dieci anni sono a rischio in questo momento. Una nuova invasione della Turchia in Rojava significher\u00e0 o la fine del progetto socialista del Rojava o diventer\u00e0 il motivo del collasso del fascismo turco. La regione qui cadr\u00e0 in un'era buia oppure il sole della libert\u00e0 splender\u00e0 alto nel cielo e briller\u00e0 di speranza nell'orizzonte verso le quattro direzioni del mondo. Per questa ragione facciamo appello a tutti perch\u00e9 capiscano la gravit\u00e0 della situazione e perch\u00e9 si preparino di conseguenza.\ud83e\udd1d<\/b><\/i> Mandate la vostra solidariet\u00e0 al Rojava il 19 luglio, preparatevi per il giorno X, costruite iniziative locali di rise up for Rojava e siate voi stessi creativi. Insieme ci alziamo contro la NATO, insieme distruggeremo il fascismo turco, insieme difenderemo la rivoluzione e insieme lotteremo per il Rojava. Vi diciamo serkeftin e vi mandiamo i nostri saluti rivoluzionari e il nostro rispetto dal Rojava".<\/div>\n\n