"
<\/a><\/div>
\n
<\/i><\/a><\/div>\n
\n \n \n \n \n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/g>\n <\/svg>\n <\/i>\n
Rojava Resiste<\/span><\/a><\/div>\n\n\n\n
Rojava, Turchia, Europa: aggiornamenti<\/b>\ud83c\uddf9\ud83c\uddf7<\/b><\/i> Le SDF hanno pubblicato un report sulle aggressioni della Turchia e dei suoi alleati nel 2021: 89 civili uccisi e 139 feriti; 47 incursioni aree e di terra; 89 attacchi via drone; 58 villaggi e 3 citt\u00e0 bombardate; 700 civili rapiti; 22 siti archeologici distrutti; aumento in generale degli attacchi sulle aree occupate e su quelle ancora libere del Nord-est della Siria. \u270a<\/b><\/i> Domenica 9 gennaio in tutta Europa e in Kurdistan ci sono state commemorazioni e manifestazioni per ricordare Sakine, Fidan e Leyla, le tre donne del movimento di liberazione uccise nel gennaio 2013 in Francia. Anche a Shebha, vicino Afrin, la gente \u00e8 scesa in piazza, organizzata da Kongra Star: "Ogni donna curda prende forza dalla resistenza di Sakine e delle sue compagne oggi. Promettiamo di seguire i passi di Sakine, Fidan e Leyla." \ud83d\udd25<\/b><\/i> La Jin\u00ean T\u00eer\u00eaj\u00ean Roj\u00ea Initiative (La "Children of Fire Initiative) ha dichiarato di aver colpito 7 stazioni di polizia a Y\u00fcksekova, nel distretto di Hakkari in Bakur (Kurdistan turco), per vendicare "i 6 compagni e compagne che sono caduti martiri nell'attacco compiuto dallo Stato turco a Kobane il 25 dicembre scorso".<\/div>\n\n