"<\/a>
\n
<\/i><\/a><\/div>\n
\n \n \n \n \n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/g>\n <\/svg>\n <\/i>\n
Rojava Resiste<\/span><\/a><\/div>\n\n\n<\/i>\n\n
\n
<\/div>\n
\n
\n
This media is not supported in your browser<\/div>\n VIEW IN TELEGRAM<\/span>\n <\/div>\n<\/div><\/a>\n
\ud83e\udd10<\/b><\/i> Facebook\/Instagram censura Eddi e la sua voce per la liberazione dalle misure di sorveglianza speciale<\/b>\ud83d\udde3<\/b><\/i> Riprendiamo il messaggio di Eddi, dopo che la propriet\u00e0 di Facebook ha deciso di chiudere "per accertamenti" tutti i suoi account. Quello dei social network proprietari, lo sappiamo, non \u00e8 un terreno neutro n\u00e9 amico - noi stessi, come Rojava Resiste, abbiamo sub\u00ecto pi\u00f9 volte la chiusura dei nostri profili fino alla scelta di non rientrarci. Tuttavia ci pare opportuno riprendere e segnalare ogni censura, invitando a seguire i nuovi profili di Eddi e di tutte le pagine solidali con la causa curda e le lotte di liberazione in Medio Oriente.<\/div>\n\n