"<\/a>
\n
<\/i><\/a><\/div>\n
\n \n \n \n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/g>\n <\/svg>\n <\/i>\n
Rojava Resiste<\/span><\/a><\/div>\n\n\n\n
\ud83c\udff4<\/b><\/i> La questione Daesh in Siria del Nord-Est<\/b>\ud83d\udc68\ud83c\udffd\u200d\u2696<\/b><\/i> L'Amministrazione autonoma ha deciso di avviare unilateralmente il processo contro lo Stato Islamico, dopo i molti appelli degli ultimi anni per una Corte internazionale e il rimpatrio dei foreign fighters.\ud83d\udd0d<\/b><\/i> Non esiste la pena di morte e le guardie carcerarie colpevoli di atti di violenza vengono rimosse dal lavoro e inviate a programmi di rieducazione.\ud83d\udc65<\/b><\/i> La Corte popolare del Nord e dell'Est della Siria ha processato oltre 6000 combattenti ISIS locali in base a queste leggi, con circa lo stesso numero ancora da processare.\u2757\ufe0f<\/b><\/i>Finora sono stati rimpatriati meno del 10% dei figli di daesh e i paesi di partenza non hanno quasi mai risposto agli appelli della Federazione per un tribunale internazionale per i jihadisti stranieri. La situazione \u00e8 diventata ancora pi\u00f9 instabile con l'invasione turca, di cui hanno approfittato molti prigionieri per fuggire.<\/div>\n\n